Serie A, Lautaro Martinez lontano dall’Inter

Serie A

Serie A

Serie A, il Barcellona insegue Lautaro Martinez come molti altri club. Al momento è l’unico a fare gola a più team grazie alle sue capacità. E così il ragazzo oggi sembra essere sempre più lontano dall’Inter. Quest’ultima negli ultimi mesi ha soltanto una necessità, fare cassa. Per cui dopo avere archiviato la trattativa con Erling Haaland che risultava essere troppo costoso per le finanze blaugrana, il club che tiene saldo in testa Lionel Messi punta sull’argentino e rimane nel dubbio. L’idea iniziare era quella di uno scambio con i nerazzurri che metterebbe nei guai anche la Juventus interessata alla seconda punta dei culé.

Sul piatto andrebbe Antoine Griezmann, ex dell’Atletico Madrid, arrivato nei mesi estivi del 2019 per la modica cifra di 120 milioni di euro. Lui diventerebbe quindi la pedina di scambio, l’unico modo per arrivare senza troppe difficoltà al classe 1997, con soltanto 20 milioni di euro. In questo modo, da Barcellona, si riuscirebbero a prendere due piccioni con una fava strappando Lautaro alla concorrenza e liberandosi anche dell’attaccante francese, che ha compiuto da poco 30 anni e che ha uno stipendio importante che la squadra non più permettersi.

Come avverrebbe lo scambio, cosa potrebbe succedere nei prossimi mesi

Nasce però una problematica: lo scambio tra Lautaro Martinez e Griezmann potrebbe non andare come si spera a causa dell’eccessivo costo dello stipendio del blaugrana. La sua richiesta si aggira intorno a 18 milioni netti a stagione, il francese potrebbe diventare un peso ulteriore che l’Inter in questo momento non può proprio sostenere. Se da un lato la squadra ha bisogno di ingaggi importanti per risollevarsi e puntare tutto sui componenti, dall’altro ha anche la necessità di ridurre le spese.

Ingaggiare anche l’attaccante per una cifra elevata significherebbe rischiare la sopravvivenza. L’unica possibilità che si apre è che il calciatore campione del mondo 2018 possa accettare di entrare nel team con sconti in virtù del decreto crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!