Serie A, arrivano brutte notizie dall’Agenzia delle Entrate

Serie A

Serie A

Serie A, sono in arrivo tante brutte notizie per i club di Serie A. In particolare si parla di una circolare secondo la quale il Decreto Crescita non potrà essere applicato, almeno non adesso. Prima dell’applicazione dovrà essere emesso il Dpcm attuativo. Per questo motivo, almeno per adesso, non si potrà più parlare di tassazione agevolata per favorire l’offerta degli ingaggi più alti.

Ciò che risulta essere ancora più grave è che non si potranno pagare meno tasse sugli stipendi dei giocatori che hanno ottenuto i contratti nel 2019. In queste settimane anche il calcio sta attraversando situazioni dure e difficoltose, quindi tutto questo non ci voleva proprio. Troppe tasse e soldi in uscita, pochi ingressi e poco su cui contare per ricominciare da zero. Il calcio di un tempo non esiste più

Nessuna detrazione fiscale sui nuovi ingaggi

Tutti i club puntavano sulle detrazioni fiscali del 50% ma non si potranno applicare sullo stipendio di nessuno dei calciatori che sono stati ingaggiati dall’estero dopo due anni di residenza fiscale dall’Italia. Per questo adesso bisognerà aspettare che sia il Governo a ripristinare la situazione precedente con un decreto attuativo. La normativa prima prevedeva una tassazione del 30% del reddito di lavoro dipendente prodotto in Italia. Legge valida per tutti i lavoratori residenti all’estero con la residenza in Italia.

Il Decreto Crescita concedeva alle società italiane di stare in una posizione di grande vantaggio, più competizioni sulla scena del calciomercato internazionale più possibilità di ingaggi netti a parità di ingaggio lordo più alti. Questo ricorda quanto avvenuto quando venne acquistato De Ligt da parte della Juventus e di Eriksen da parte dell’Inter. Qualora Conte non dovesse prendere provvedimenti si rischierebbe di dare l’ennesimo colpo tra capo e collo a tutti i club, soprattutto i più deboli della serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!