Serie A, Juventus Milan, il flop di Higuain

Serie A

Serie A, la partita Juventus Milan per certi aspetti ha lasciato l’amaro in bocca, mentre per altri ha dato grandi conferme. Per la prima squadra senza ombra di dubbio si è trattato di conferme piuttosto importanti come la vittoria del 2 a 0; vincendo proprio a San Siro contro il Milan, la Juve ha messo a tacere tutte le critiche nate dopo la sconfitta del Manchester. “Non ripetere gli errori delle ultime partite era l’obiettivo, addirittura più dei tre punti”, questa è stata la prima dichiarazione fatta da Allegri, che aggiunge “Per questo vanno fatti i complimenti ai ragazzi che mi fanno passare una pausa tranquilla”.

L’ultimo incontro della 12/a giornata di serie A per i bianconeri è andato davvero molto bene, con questo risultato sono inoltre riusciti a mantenere un grosso distacco di +6 sul Napoli. Altro discorso è quello da fare su Higuain, le sue prestazioni durante il gioco sono state molto scarse e questo può succedere, se non fosse però che il calciatore non avesse deciso di completare la sua giornata storta facendosi espellere. Durante la partita, a causa di un’azione sbagliata seguita da ammonizione sicuramente troppo severa, Higuain ha reagito con aggressività ed anche in modo eccessivo; dopo la partita ha comunque chiesto scusa ai suoi tifosi, dicendo: “Chiedo scusa a tutti, compagni, tifosi, all’allenatore. So che siamo un esempio per tutti i bambini, per quelli che giocano al calcio, per la gente che ti guarda ma non siamo robot, e ci portiamo dietro delle cose, e l’emozione delle partite. Però credo che a volte gli arbitri dovrebbero capire la situazione”. Mentre commentando il motivo dell’ammonizione dice: “Quella reazione è scattata perché secondo me il fallo era di Benatia, invece ha dato punizione alla Juventus e mi ha anche ammonito. Quindi è arrivata quella reazione e il cartellino rosso“.

Serie A, Higuain : “Non siamo robot”

Serie A, qualcuno pensando forse con un pizzico di malignità sospetta invece che il suo exploit sia stato causato dall’emozione di affrontare la squadra che in estate lo ha scaricato e infatti arriva la domanda tanto attesa: “Quando giochi contro squadre in cui hai giocato in precedenza l’emozione è diversa, però mi prendo le mie responsabilità e questo non deve capitare più. Avevo sbagliato il rigore, stavamo perdendo e non siamo robot, ma questo non spiega nulla. Spero solo non succeda più. Ho un bellissimo rapporto con i giocatori della Juventus ed è stato bello che tutti si sono avvicinati per fermarmi. E’ stata una gara storta, per me principalmente, e non ho molto da aggiungere”.

E poi si ritorna agli errori in partita: “Il rigore fallito? Ho voluto calciare il mio solito rigore, lui (il portiere del Milan) sa che è quello e io pensavo che aspettasse invece è partito prima e per quello lo ha preso. Comunque ha fatto una grandissima parata. I rigori li sbaglia chi li calcia, sentivo la fiducia di andare sul dischetto e l’ho tirato. Ora dobbiamo guardare avanti e riflettere sul fatto che abbiamo tenuto testa a una squadra fortissima”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *